TAR Campania: “Licenza scommesse solo se provvisti di concessione ministeriale”

2020-08-26T10:31:22+00:00 26 Agosto 2020|

Il TAR Campania ha respinto tre ricorsi di altrettanti centri trasmissione dati, collegati a bookmaker esteri privi di concessione in Italia, presentati contro Ministero dell’Interno e Questore di Napoli e in cui si chiedeva l’annullamento dei decreti con cui veniva rigettata la richiesta di licenza ex art. 88 Tulps per l’esercizio dell’attività di trasmissione telematica di dati relativi a scommesse, per conto di società estere.

I giudici hanno sentenziato che: “la licenza di cui all’art. 88 del Tulps, anche alla luce dei principi eurounitari, non può essere rilasciata a chi non sia in possesso della concessione ministeriale e, sotto tale profilo, l’attività demandata al Questore è vincolata, non essendo ammessa alcuna discrezionalità dell’Amministrazione, che in assenza della concessione, è tenuta ad emettere un provvedimento di rigetto per insussistenza di uno dei presupposti di legge”

Il TAR Campania ha anche specificato che allo stato attuale del diritto europeo “non vi è ancora un obbligo di mutuo riconoscimento delle autorizzazioni rilasciate dai vari Stati membri”.

Fonte: Agimeg.it