Legge sul gioco veneta, a settembre la relazione

La legge sul gioco veneta sarà valutata attraverso una relazione entro la fine del mese: lo ha assicurato l’assessore all’Ambiente del Veneto, Gianpaolo Bottacin, nella risposta data all’interrogazione presentata dalla consigliera Cristina Guarda.

La legge sul gioco regionale prevede infatti la predisposizione di una relazione annuale da approvare nella competente Commissione consiliare contenente il monitoraggio e la valutazione sugli effetti applicativi della legge stessa. In particolare, la relazione dovrebbe rendicontare il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Piano operativo regionale sul gioco d’azzardo patologico, realizzata dalle aziende Ulss del Veneto e dall’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona.

Bottacin ha comunque sottolineato come l’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Coronavirus Covid-19 ha indotto tutti i sistemi sanitari a concentrarsi sul fronte della pandemia e come le limitazioni di movimento e la chiusura di molte attività economiche hanno ridotto la significatività dei dati raccolti nell’ambito del disturbo da gioco d’azzardo.

Fonte: Gioconews.it

2021-09-10T09:32:00+00:00 10 Settembre 2021|Tags: , , , , |

Veneto: un organismo di consulenza e nuovi divieti nella futura normativa sul gioco

È prevista per il 3 settembre la riunione del Consiglio del Veneto con all’ordine del giorno la discussione della prossima normativa per la prevenzione e la cura del gioco d’azzardo patologico.

Il nuovo Testo unificato, in merito al quale sono stati auditi diversi stakeholder, utilizza come riferimento il testo del Disegno di legge n.395 della Giunta “Norme sulla prevenzione e cura del disturbo da gioco d’azzardo patologico”, integrandolo con altri tre Progetti di legge di iniziativa consiliare.

La nuova normativa si prefigge la creazione, presso la Giunta regionale, di un organismo permanente di consulenza, studio, implementazione e valutazione delle politiche sociosanitarie in materia di dipendenza dal gioco.

Sono previste anche misure per tutelare più efficacemente i soggetti maggiormente a rischio, come il divieto di collocare macchine da gioco a una distanza minima prestabilita dai luoghi considerati sensibili: 300 metri per i Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e di 500 metri per quelli che superano le 5.000 persone.

I Comuni si impegnano inoltre a disciplinare, entro 90 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, gli orari di attività delle apparecchiature da gioco, con interruzioni fino a sei ore al giorno secondo quanto previsto dall’intesa sottoscritta ai sensi della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”.

Secondo le ultime indiscrezioni, l’unica eccezione all’applicazione di questi divieti sarebbe costituita dagli apparecchi da gioco che non comportano vincite in denaro.

Fonte: Gioconews.it

2019-09-03T10:13:18+00:00 30 Agosto 2019|Tags: , , , , |