Lockdown, per l’Erario perdita di oltre 4 miliardi di euro dal gioco legale

Il lockdown sul gioco legale ha prodotto per le casse dell’Erario una perdita superiore ai 4 miliardi di euro. Lo ha riportato il Sole 24 Ore, citando l’ultimo dato reso noto dal Dipartimento delle entrate con il bollettino delle entrate dei primi 10 mesi del 2020.

Non è previsto alcun recupero di gettito per lo Stato negli ultimi due mesi caratterizzati da nuove chiusure, lockdown e restrizioni per far fronte alla seconda ondata della pandemia. Considerando la chiusura dei punti gioco per quasi 6 mesi nel corso del 2020, la stima dei ricavi fiscali per lo Stato (complessivo per i due canali fisico ed online) a fine 2020 non raggiungerà i 7 miliardi di euro, pari a oltre 4,5 miliardi di euro in meno rispetto al 2019.

Lo aveva anticipato il Direttore Generale delle Dogane e dei Monopoli  Marcello Minenna, il quale intervenendo a Uno Mattina aveva rilevato che:  “L’emergenza epidemiologica e il blocco totale della raccolta del gioco pubblico che essa ha comportato nel periodo da marzo e fino alla fine di giugno e dal mese di ottobre a gennaio 2021 ha un impatto profondo non solo sulle entrate erariali derivanti dal gioco ma anche sugli stessi bilanci dei concessionari di Stato con effetti ancora totalmente da individuare sul quadro economico complessivo e sullo stesso equilibrio delle concessioni”.

Fonte: Jamma.tv

2021-01-08T08:59:20+00:00 8 Gennaio 2021|Tags: , , , , , , , |

ADM, Minenna: “La tessera sanitaria per le VLT così non serve”

Il Direttore Generale di ADM, Marcello Minenna, in audizione in Commissione Finanze alla Camera, ha risposto a diverse domande relative al settore del gioco, rimarcando che “la legge va applicata, l’attività del gioco è legale e come tale va trattata. Ho segnalato eventuali contraddizioni che vanno gestite e risolte”. In particolare, il Direttore Generale si è soffermato sull’inutilità della tessera sanitaria per poter accedere alle VLT: “La tessera sanitaria, così come disciplinata, non serve a nulla. Non essendo data facoltà all’Agenzia di effettuare nessuna memorizzazione del dato non riesco francamente a capire a cosa serva. Rischia anzi di incentivare attività illegali. Serve un po’ di sano pragmatismo, affrontare questo tema in maniera equilibrata, tentando di regolamentare bene il settore, perché non regolamentare bene questo settore vuol dire solo spalancare la strada al gioco illegale e questo vuol dire riciclaggio e malavita organizzata”

Fonte: Agimeg.it

2020-12-04T11:50:02+00:00 3 Dicembre 2020|Tags: , , , , , , |

RIES, rinnovo iscrizione operatori giochi prorogato al 30 aprile 2021

La scadenza per il rinnovo dell’ iscrizione nel Registro degli Operatori di gioco viene prorogata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli al 30 aprile 2021.
“La validità dell’iscrizione, per l’anno 2020, all’elenco previsto dall’articolo 1, comma 82, della legge 13 dicembre 2010, n 220, è eccezionalmente prorogata sino al 30 aprile 2021”, reca scritto una determinazione del direttore generale, Marcello Minenna. “Resta ferma la possibilità di nuova iscrizione al predetto elenco, che, in ogni caso, avrà validità sino al 30 aprile 2021”.

La proroga si rende necessaria “considerato che la sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, analogamente ai precedenti provvedimenti motivati dalla necessità di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che hanno inciso sulla raccolta di gioco tramite apparecchi da intrattenimento”.

Fonte: Jamma.tv

Minenna (ADM): “Riscrivere le regole dei giochi in un nuovo Testo Unico”

Marcello Minenna, Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, intervistato da Il Sole 24 Ore, ha ribadito la necessità di un riordino normativo del settore dei giochi tramite un nuovo Testo Unico. “Non è un problema di proibizionismo, ma di volersi dare regole certe, semplici e chiare da applicare in modo uniforme su tutto il territorio” ha spiegato al quotidiano economico.

Per Minenna occorre prima di tutto “superare le incongruità derivanti dalla legislazione concorrente, con norme dettate dallo Stato centrale che possono risultare in contrastano con le regole regionali e con altre comunali” e prevedere una quota delle entrate statali del mercato del gioco da destinare a Regioni e Comuni. L’intesa sulla gestione di distanze e aperture delle sale giochi raggiunta faticosamente nel 2018 dall’allora Governo Gentiloni con le Regioni e gli enti locali non si è mai più tradotta in atti concreti, tanto che governatori e sindaci hanno proseguito negli ultimi due anni a produrre una serie di regolamenti e misure locali anche per mettere, di fatto, al bando il gioco legale. “Anche in questo caso, precisa Minenna, senza alcun tipo di coordinamento dal centro si è finito, in molti casi, per favorire le casse del gioco illegale e della criminalità. Senza considerare poi la confusione dal punto di vista giuridico che si è venuta a innescare con continui interventi del giudice amministrativo, sia in primo grado con i Tar delle varie regioni e recentemente in appello con il Consiglio di Stato”.

Per ovviare a questo rischio la sola strada è quella delle proroghe. Sul tavolo si sta discutendo di inserire in legge di bilancio un differimento di almeno 24 mesi per arrivare nel 2022 alla formulazione dei nuovi bandi di gara. Ma di proroga in proroga il rischio di non cambiare le regole e risolvere i nodi è comunque alto. “Ed è proprio questo che vogliamo evitare. Una volta differiti i termini delle gare potremmo sederci e confrontarci avviando così una riflessione su come gestire questo delicato settore”. Le norme vanno svecchiate, in materia di giochi ne esistono almeno 500. Vanno semplificate e rese chiare per tutti. Lo ha fatto la finanza e il sistema bancario con il Testo unico sulle leggi bancarie e creditizie, perché non cerare allora un Testo unico delle leggi sul gioco un nuovo Tulg per intenderci”.

Fonte: Il Sole 24 Ore

ADM, istituito un fondo contro il gioco illegale

L’ADM, con una determinazione direttoriale del DG Marcello Minenna, ha istituito un fondo di 100.000 euro per le operazioni di gioco a fini di controllo.

Il fondo, gestito dalla Direzione Antifrode e Controlli, già introdotto col Decreto Fiscale, è destinato a finanziare le operazioni di gioco effettuate dal personale appartenente all’Agenzia stessa, alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri e al Corpo della Guardia di Finanza. Ogni forza di polizia avrà un limite di utilizzo annuo di 20.000 euro.

Inoltre, come si legge nella determinazione, «Ai fini dell’utilizzo del Fondo, la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e il Corpo della Guardia di finanza dovranno agire previo concerto con le competenti strutture centrali e periferiche di ADM sulla base delle modalità operative definite in apposito Protocollo d’intesa sottoscritto tra le Amministrazioni interessate».

Fonte: Agipronews.it

Eurispes: “Gioco illegale, operatori, polizie ed autorità facciano rete”

Il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, ha incontrato il direttore generale della Agenzia delle dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, per illustrare gli obiettivi individuati attraverso il Protocollo d’intesa e di collaborazione istituzionale tra la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e l’Istituto. Obiettivo è lo sviluppo di una collaborazione per il miglioramento di un sistema pubblico di gestione che rappresenti un irrinunciabile presidio di legalità, con particolare riferimento al mondo del gioco.

I giochi e le scommesse sono infatti sempre più al centro degli interessi di tutte le organizzazioni mafiose.
Nel 2019, nel settore del gioco illegale, sono state riscontrate dalla Guardia di finanza oltre 1883 violazioni e concluse 157 indagini di polizia giudiziaria

Per superare le vulnerabilità del sistema concessorio nel mondo dei giochi secondo l’Eurispes è necessario avviare una concreta e fattiva collaborazione con le forze di polizia e le Autorità competenti insieme con tutti gli operatori del comparto.

Fonte: Gioconews.it

2020-07-24T08:13:25+00:00 24 Luglio 2020|Tags: , , , , , , |