Tar Lombardia: nuovo luogo di culto non obbliga sala bingo a traslocare

Il Tar Lombardia è intervenuto nella diatriba tra una sala bingo di Bergamo e l’apertura di una nuova sede dei Testimoni di Geova nella medesima zona del territorio comunale.

La sala bingo si era rivolta al Tribunale per annullare la deliberazione consiliare con la quale era stata approvata, in via definitiva, la variante al Piano di governo del territorio che permetteva la realizzazione del nuovo luogo di culto nelle vicinanze dell’attività, con la conseguente impossibilità per la sala giochi di continuare a rispettare il distanziometro.

Secondo la società titolare della sala, preoccupata per l’applicazione del distanziometro di 500 metri previsto dalla legge regionale contro la ludopatia, l’anteriorità della sala giochi farebbe sorgere un diritto di prevenzione nei confronti di qualsiasi altra attività.

Il Tar Lombardia ha respinto il ricorso, in quanto l’insediamento storico non garantisce l’invarianza del contesto urbanistico, che cambia insieme all’evoluzione della realtà sociale ed economica.

Nonostante questo, il Tar ha stabilito che le sale giochi già operative prima della legge della Lombardia sul gioco non sono sottoposte a vincoli se nelle loro vicinanze sorge un nuovo luogo sensibile: la sala bingo potrà dunque proseguire la sua attività. Come spiegano i giudici, infatti, il nuovo luogo di culto non comporta l’applicazione del distanziometro e di conseguenza non impedisce la prosecuzione o il rinnovo delle concessioni relative agli apparecchi da gioco.

Fonte: Agipronews.it

Tar Lombardia accoglie due ricorsi: ingiustificate le restrizioni alle attività

Il Tar Lombardia ha accolto due ricorsi presentati contro due Comuni della regione, in cui si chiedeva l’annullamento delle rispettive ordinanze sindacali aventi ad oggetto i nuovi orari di esercizio per le sale giochi, sale VLT e sale scommesse, e di funzionamento degli apparecchi con vincita in denaro.

I Comuni avevano approvato il Regolamento per il contrasto al fenomeno del gioco d’azzardo patologico, fissando le fasce di interruzione orarie stabilite nel regolamento, salvo poi revocarlo in autotutela. Sono stati così fissati nuovi orari di apertura per sale giochi e per il funzionamento degli apparecchi, con l’esclusione delle attività di gioco tramite lotterie istantanee su piattaforma virtuale e/o con tagliando cartaceo (gratta e vinci, 10 e lotto, ecc.).

Sebbene tra i criteri indicati nel Regolamento vi sia quello dell’obbligo di non penalizzare determinate tipologie di gioco, l’ordinanza impugnata riguardava soltanto gli apparecchi e la raccolta fisica di scommesse escludendo altre categorie di gioco. Le motivazioni alla base dell’ordinanza impugnata sono inoltre ascrivibili all’esigenza di far fronte al dilagare di fenomeni di dipendenza da gioco d’azzardo patologico nei due Comuni.

Il Tar Lombardia ha stabilito in seguito che il provvedimento impugnato non forniva dati di rilievo in relazione allo specifico ambito territoriale, soprattutto per quanto riguarda il numero dei giocatori patologici. È stato dunque concluso che, in base a questi dati, la restrizione delle attività di gioco non può essere giustificabile.

Fonte: Jamma.tv

Lottomatica Talks: al via gli appuntamenti sulla sicurezza nel gioco

I Lottomatica Talks sono approdati a Trento, giovedì 7 aprile 2022 nella sede della Camera di Commercio, per la prima tappa di un tour che nei prossimi mesi toccherà numerose città italiane per parlare di sicurezza, contrasto all’illegalità e tutela dei giocatori. Il progetto mira, dunque, a rafforzare il dialogo tra le istituzioni, enti locali e attori sociali del territorio e i principali soggetti del settore del gioco pubblico.

Il primo dei relatori a intervenire è stato il senatore e segretario della Commissione parlamentare di inchiesta sul gioco illegale, Andrea De Bertoldi, che ha dichiarato la necessità di un approccio laico e non ideologico al gioco per contrastare la ludopatia. Successivamente ha preso parola il presidente di Confcommercio Trentino, Giovanni Bort, che ha sottolineato la rilevanza del comparto a livello economico. A chiudere la prima parte dell’evento è stato poi l’assessore al Commercio della Provincia autonoma di Trento, Roberto Failoni, che ha ribadito l’importanza degli aiuti agli operatori del settore, nonché di iniziative mirate per contrastare la ludopatia.

La seconda parte dell’evento è stata aperta dalla professoressa del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento, Valentina Molin, che ha sottolineato l’importanza delle attività di prevenzione alla ludopatia come la collaborazione tra esercenti e aziende sanitarie. Giovanni Kessler, già direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha poi indicato come un testo unico a livello nazionale sia l’unica strategia per contenere il fenomeno delle dipendenze. Ha infine preso la parola il dirigente della direzione centrale della Polizia criminale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, Francesco Stampacchia, che ha sottolineato come l’azione della Polizia tuteli la sicurezza del gioco e assicuri il buon operato dei concessionari.

Infine, in conclusione del convegno, il costituzionalista Alfonso Celotto ha ribadito la necessità di fornire linee guida omogenee a livello nazionale e buone regole sulla formazione degli operatori, e ha indicato i quattro aspetti fondamentali che lo Stato deve perseguire: certezza, unitarietà, formazione e sinergia.

Fonte: Agimeg.it

Riforma del gioco pubblico in dirittura di arrivo

La riforma del gioco pubblico è in dirittura di arrivo. La delega messa a punto dal sottosegretario all’Economia, Federico Freni, arriverà in Consiglio dei ministri. Emerge ancora una volta l’obiettivo di addivenire a una riforma complessiva del settore, che presuppone una razionalizzazione graduale e controllata dell’offerta di gioco, ma anche misure tecniche e normative finalizzate alla tutela dei soggetti vulnerabili e il contrasto al gioco illegale, soprattutto quello offerto sul web tramite piattaforme estere.

Innanzitutto, tra le novità, l’intervento intende introdurre un regime generale di gestione dei casi di crisi dei concessionari così da assicurare la continuità della gestione per tutelare gli interessi dell’Erario e dei giocatori. Accanto a una razionalizzazione della rete fisica, il provvedimento intende inoltre raccordare le normative regionali con la disciplina nazionale. In particolare, ci saranno regole uniformi su tutta la penisola in materia di titoli abilitativi all’esercizio dell’offerta di gioco, che includono parametri di distanza dai luoghi sensibili validi per l’intero territorio nazionale e la dislocazione locale di sale da gioco e punti vendita.

La delega propone inoltre un inasprimento e una razionalizzazione del sistema sanzionatorio, attraverso una maggiore proporzionalità delle entità delle sanzioni penali e amministrative rispetto alla gravità delle violazioni. I concessionari avranno l’obbligo di tracciare di tutti i riversamenti derivanti dalla raccolta delle giocate e dei compensi spettanti ai soggetti operanti nella propria rete di raccolta.

Tra gli interventi per prevenire i disturbi da gioco d’azzardo invece, la delega fa riferimento alla diminuzione dei limiti di giocata e vincita. Si prevede infine un innalzamento del livello qualitativo dei punti gioco e dell’offerta attraverso nuove regole di rilascio delle licenze di vendita del gioco e la revisione della disciplina in materia di qualificazione degli organismi di certificazione degli apparecchi da intrattenimento.

Fonte: MF e Gioconews.it

Piemonte: nuova proposta di legge contro il gioco d’azzardo

In Piemonte è stato avviato l’iter per una nuova proposta di legge contro il gioco d’azzardo, in seguito alla pubblicazione della legge di liberalizzazione del settore nel 2021, portata avanti dal centrodestra. Questa legge garantisce lo stop alla retroattività della legge contro la ludopatia del 2016, anche se esclude la possibilità di reintrodurre gli apparecchi nei bar, e promuove interventi finalizzati al contrasto della ludopatia tramite rafforzamento della cultura del gioco responsabile e consapevole.

Questa settimana, il consigliere regionale della Lega, Andrea Cerutti, è stato chiamato a vidimare i moduli per le raccolte firme destinate alla presentazione della nuova proposta di legge, rivolta al Consiglio regionale del Piemonte, sostenuta inoltre da svariate sigle del mondo associativo, come Gruppo Abele, Avviso Pubblico, Caritas e Azione Cattolica.

L’obiettivo della nuova proposta sarebbe riprendere la legge regionale del 2016, alla quale il Movimento 5 Stelle Piemonte aveva contribuito alla stesura, che imponeva delle restrizioni al gioco d’azzardo bandendo gli apparecchi da bar, tabaccai e sale slot particolarmente vicini a punti sensibili.  Per fare arrivare questa proposta al Consiglio regionale ci vorrebbero però 8 mila firme: la raccolta sarà avviata a inizio aprile, nelle piazze e negli eventi a Torino. Una volta arrivati a quota 8mila ed effettuate tutte le verifiche, il testo arriverà in Consiglio regionale.

Fonte: La Stampa e Jamma.tv

Angelozzi, Lottomatica: “Il mercato del gaming è pronto a ripartire”

Guglielmo Angelozzi, CEO di Lottomatica, ha dichiarato che il mercato del gaming italiano è pronto ad andare avanti e a gettarsi alle spalle i due anni di chiusure a causa della pandemia, anche se le conseguenze sono ancora evidenti per il settore. “Tornare alle origini, al buon gioco e alle regole chiare: la svolta è possibile”, dice Angelozzi, ma sottolinea che servono regole uniformi e una spinta al consolidamento.

Angelozzi ricorda che sono stati due anni complicati, ma anche di grande trasformazione. Molti punti vendita sono stati chiusi, imponendo però un’accelerazione nel processo di trasformazione digitale del gioco. Ora che però il mercato retail ha riaperto, dichiara, il tema che si pone è mettere la rete distributiva al centro dei progetti, continuando a investire sull’innovazione digitale. La rete sul territorio, con la presenza dei punti gioco controllati dai concessionari, costituisce infatti il presidio nazionale contro l’illegalità.

Amplia poi il discorso, toccando il tema delle norme. Un riassetto normativo è necessario, sottolinea, in quanto la stratificazione ha reso tutto poco chiaro, rendendo difficile la pianificazione degli investimenti. Il consolidamento nel mercato del gioco è dunque essenziale ed è possibile grazie a investimenti importanti.

Conclude dicendo che strumenti come il Green Pass hanno consentito a molti punti di rimanere aperti e che ad oggi la domanda c’è, in quanto il mercato sta ripartendo e la pandemia rallentando. Per il futuro, dunque, Lottomatica è fiduciosa: si dichiara pronta a cogliere le occasioni che il mercato presenterà.

Fonte: Milano Finanza

2022-02-28T08:41:04+00:00 28 Febbraio 2022|Tags: , , , , , |

Bozza di legge delega riordino giochi, in Cdm nei prossimi giorni

La bozza di legge delega sul riordino dei giochi è attesa in Consiglio dei ministri nei prossimi giorni. Il testo ha superato il vaglio della Ragioneria dello Stato e quindi il MEF la trasmetterà al Consiglio dei ministri nei prossimi giorni; successivamente all’approvazione, l’Esecutivo e il MEF emaneranno i decreti attuativi.

L’obiettivo della legge è garantire regole uniformi sull’intero territorio nazionale, oltre che la razionalizzazione dell’offerta e la tutela dei soggetti più vulnerabili attraverso misure tecniche e normative.

Nella bozza di legge si prevede innanzitutto di assicurare la lotta al gioco illegale a danno dell’erario, attraverso l’applicazione di regole in materia di titoli abilitativi all’esercizio dell’offerta di gioco e che tenga conto dell’obbligo del distanziamento dai luoghi sensibili. È inclusa inoltre la razionalizzazione territoriale della rete di raccolta del gioco, improntata alla progressiva concentrazione della raccolta in ambienti sicuri e controllati.

Ai fini della tutela dei soggetti maggiormente vulnerabili, nonché dell’esigenza di prevenire i fenomeni di disturbi da gioco d’azzardo e di gioco minorile, si prevede la diminuzione dei limiti di giocata e di vincita e l’obbligo di certificazione di ogni singolo apparecchio. Grazie al coordinamento con l’ADM in merito alle attività di vigilanza regolamentare, verrà rafforzato il contrasto ad ogni forma di gioco d’azzardo illegale, soprattutto quello offerto via web, con l’introduzione dell’obbligo di tracciamento di tutti i riversamenti derivanti dalla raccolta delle giocate.

Infine, si prevede l’introduzione di un regime generale di gestione dei casi di revoca o decadenza per assicurare la continuità della gestione e del servizio erogato, al fine di tutelare gli interessi sia dei giocatori, sia degli esercenti. Questi ultimi avranno anche l’obbligo di rispettare le regole in materia di tracciabilità dei flussi finanziari sottoposti al vaglio dell’ADM per la verifica di conformità.

Fonte: Gioconews.it

Convenzione MEF-ADM: focus su riordino e lotta la gioco illegale

Nella convenzione che regola i rapporti tra il MEF e l’ADM per il periodo compreso fra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2023 sono inclusi gli obiettivi strategici di contrasto al gioco illegale e di supporto del Governo per il riordino del comparto giochi.

Sarà possibile raggiungere il primo obiettivo, da un lato, attraverso il presidio alla legalità e, dall’altro, attraverso il rinforzo dei controlli. In primo luogo, ADM si impegna nello sviluppo del sistema di monitoraggio dell’offerta del gioco legale e nell’implementazione del Registro unico degli operatori del gioco pubblico. Questo al fine di verificare l’andamento dei volumi di gioco e la relativa distribuzione sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle aree più soggette al rischio. Inoltre, l’obiettivo di rafforzamento delle attività di contrasto all’illegalità, tramite il coinvolgimento del Co.Pre.Gi, verrà raggiunto attraverso lo sviluppo di banche dati in grado di fornire indici di rischio degli operatori. Verrà anche eseguito un rafforzamento dell’attività di controllo sul divieto di gioco ai minori, in cooperazione con le Forze dell’ordine, con particolare riferimento al controllo sugli ingressi negli esercizi.

Quanto al secondo obiettivo, ADM si impegna a sostenere la crescita del Paese, migliorare la qualità dei servizi e favorire la compliance dei contribuenti grazie supporto tecnico necessario al Governo per la regolamentazione del settore. Grazie alla conoscenza delle abitudini di gioco della popolazione infatti, al fine di efficientare gli strumenti di contrasto al gioco patologico, verrà aumentato il livello di sicurezza della rete fisica e online. ADM ha dichiarato, infine, che intraprenderà un’attività di analisi per la formulazione di proposte normative alla realizzazione di una riforma complessiva del gioco pubblico.

Fonte: Gioconews.it

2022-02-11T13:09:56+00:00 11 Febbraio 2022|Tags: , , , , , , |

Aiuti del governo ai giochi: contrasto alla ludopatia e alla crisi economica

Gli aiuti stanziati dal Governo a favore del settore dei giochi comprendono un fondo al contrasto del disturbo da gioco d’azzardo patologico e misure di sostegno al settore, in quanto particolarmente colpito dalla crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19.

 

La Corte dei conti ha inviato al Senato la deliberazione relativa al Fondo per il gioco d’azzardo patologico. In merito, la Corte ha evidenziato la necessità di ipotizzare un’alternativa modalità di copertura finanziaria del fondo. Tra le proposte, vi è la destinazione di una percentuale del fatturato conseguito dalle imprese del gioco e l’attribuzione di somme in applicazione delle sanzioni amministrative. Nella Gazzetta Ufficiale è stata inoltre pubblicata la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile sul Fondo sanitario nazionale 2021, che prevede di destinare 50 milioni alla cura della dipendenza da gioco d’azzardo.

 

È stato poi pubblicato il Dl Sostegni dal Governo recante le misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici relativamente all’emergenza da Covid-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi dell’energia. Si prevede il ricorso alla cassa integrazione per, fra le altre, le attività di gioco, come le sale giochi e le sale bingo. In base al provvedimento, i datori di lavoro che, dal 1° gennaio al 31 marzo 2022, sospendono o riducono l’attività, sono esonerati dal pagamento della contribuzione addizionale.

 

Fonte: Gioconews.itJamma.tv

MEF: pronta la bozza per il riordino del settore giochi

Il MEF ha preparato la bozza per il piano di riordino del settore dei giochi. Nel documento, che gli uffici hanno inviato alla Ragioneria dello Stato, sono già fissati alcuni principi per il mercato dei giochi del futuro. Il progetto, da realizzare entro 12/18 mesi attraverso l’emanazione di uno o più decreti legislativi, è costruito attorno al contrasto al disturbo da gioco d’azzardo e alla lotta al gioco illegale, garantendo l’invarianza o l’incremento delle entrate erariali provenienti dal settore.

 

La parte più innovativa del documento sta nell’introduzione di misure tecniche e normative finalizzate alla tutela dei soggetti maggiormente vulnerabili. Tra gli strumenti previsti, la diminuzione dei limiti di giocata e di vincita e l’obbligo della formazione continua dei gestori e degli esercenti.

Nella bozza è prevista anche l’introduzione di regole trasparenti e uniformi nell’intero territorio nazionale in materia di titoli abilitativi all’esercizio dell’offerta di gioco, dei parametri di distanza da luoghi sensibili, nonché riguardo le installazioni di slot machines e videolotteries. Il decreto legislativo dovrà rivedere anche il limite massimo degli apparecchi da gioco presenti in ogni esercizio, la superficie minima per gli esercizi che li ospitano e la separazione graduale degli spazi nei quali vengono installati, oltre alle fasce orarie di gioco con criteri omogenei per tutti il territorio nazionale.

 

Spetterà poi all’Agenzia delle dogane e dei monopoli il coordinamento delle attività di vigilanza e di contrasto all’illegalità. L’obiettivo è fermare ogni forma di gioco d’azzardo illegale, soprattutto quello offerto via web da soggetti che utilizzano piattaforme collocate al di fuori del territorio dello Stato. Servirà dunque una revisione dell’apparato sanzionatorio, penale ed amministrativo, prevedendo un innalzamento delle sanzioni.

 

(Fonte: Italia Oggi e Agipronews.it)

2022-01-21T13:14:30+00:00 21 Gennaio 2022|Tags: , , , , , , , |

Federico Freni: “Illegalità e ludopatia da estirpare, serve regolamentazione”

Federico Freni, sottosegretario al Mef con delega ai giochi, in audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico, ha dichiarato che l’illegalità rappresenta un cancro da estirpare dal mondo del gioco e che tutte le linee di riforma non possono prescindere dalla valutazione di questo fenomeno. Ha inoltre sottolineato come anche la ludopatia rappresenta un problema, seppur meno manifesto, ma altrettanto grave.

Pertanto, nell’elaborazione delle linee di sviluppo della normativa nel settore gioco, è necessario considerare, per i giocatori e per lo Stato, la tutela dei tre cardini. Innanzitutto, una regolamentazione omogenea del settore gioco; in seguito, la garanzia di un gioco sicuro per i giocatori; e infine un flusso di entrate erariali analogo a quello attuale per lo Stato. Freni ha ribadito come il gettito erariale in crescita non sia indice di un positivo stato di salute del comparto, ma come semplicemente indichi una propensione crescente al gioco. Questo rende necessario aumentare il livello di qualità della regolazione.

Dal punto di vista normativo, tuttavia, Federico Freni ha dichiarato che il settore soffre un’impostazione, risalente al 2016, di continue proroghe delle concessioni, che ha reso impossibile svolgere le gare per il rinnovo delle concessioni stesse. Per questo, bisogna trovare in Conferenza Stato-Regioni una quadra che consenta agli operatori di poter pianificare la propria attività secondo parametri omogenei. L’occasione utile per fare ciò sarà il confronto sulla legge delega di riassetto del gioco che sarà portata all’attenzione del Consiglio dei Ministri e del parlamento.

Fonte: Jamma.tv

Ministero Salute, pubblicate le linee d’azione per il GAP

Il Ministero della Salute ha approvato il decreto “Regolamento recante adozione delle linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette dal gioco d’azzardo patologico”, che entrerà in vigore il 20 ottobre 2021. Il testo, firmato dal ministro Roberto Speranza a luglio, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 5 ottobre.

Come previsto dal decreto, le Regioni provvederanno a dare attuazione a linee di azione per la prevenzione e cura del gioco d’azzardo patologico attraverso misure che favoriscano l’integrazione tra i servizi pubblici e le strutture private accreditate, gli enti del Terzo settore e le associazioni di auto-aiuto della rete territoriale locale.

Tra le numerose indicazioni del Ministero della Salute contenute nel focus sulla prevenzione del decreto si evidenzia che saranno attuate linee di prevenzione attraverso iniziative di carattere educativo/informativo, l’analisi del comportamento di gioco, azioni di formazione e campagne di sensibilizzazione.

Sono state individuate anche le linee di azione, tra cui figurano l’applicazione di adeguati sistemi per la rilevazione del comportamento di gioco, nel pieno rispetto della privacy del giocatore; l’adozione di misure e strumenti che favoriscano la consapevolezza da parte del giocatore stesso riguardo al proprio comportamento di gioco e ai rischi connessi al gioco d’azzardo; l’attivazione di opportuni canali comunicativi in grado di favorire l’immediato accesso ai centri di assistenza sanitaria da parte dei giocatori problematici; l’individuazione dei fabbisogni formativi specifici per le azioni di prevenzione a favore delle diverse tipologie di destinatari; infine, l’implementazione dei fattori che tutelano il benessere psicofisico dei giocatori all’interno delle sale.

Fonte: Gioconews.it