ISS: “Alcol e droghe sono le dipendenze più diffuse tra i giovani”

Le dipendenze sono un problema diffuso tra i giovani italiani, in primo luogo quelle da alcol, droghe e tabacco. Lo scenario è stato tracciato nel corso del III°forum “Un Check-up per l’Italia”, dedicato alle “Vecchie e nuove dipendenze” da Roberta Pacifici, Direttore del Centro Nazionale dipendenze e doping dell’Istituto Superiore di Sanità.

In dettaglio, ben il 34,2% degli studenti italiani tra i 14 e i 17 anni ha provato almeno una volta una droga, mentre l’11% fuma tabacco regolarmente. La ludopatia occupa invece l’ultimo posto nella classifica dei comportamenti giovani a rischio per diffusione, dopo tabacco, droghe, doping, alcol e disturbi del comportamento alimentare. Pacifici su questo punto ha inoltre sottolineato come un altro studio ISS avesse rilevato una correlazione tra l’abuso di sostanze e lo sviluppo di comportamenti di gioco problematico.

Fonte: Jamma.tv

Prima indagine nazionale ISS sul gioco: sono 18 milioni gli italiani adulti che giocano

L’Istituto Superiore di Sanità ha realizzato,  nell’ambito dell’accordo scientifico con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, un’indagine nazionale sul gioco d’azzardo. Dall’indagine, realizzata con EXPLORA, è emerso che 18 milioni di italiani adulti (36,4% del totale) hanno giocato d’azzardo almeno una volta nell’ultimo anno, percentuale che sale al 43,7% degli uomini e scende al 29,8% tra le donne. L’età media dei giocatori si colloca tra i 40 e i 64 anni, mentre le aree a maggiore prevalenza sono il Centro (42,7%) e il Nord Ovest (39,3%). Le preferenze per tipologia di gioco vedono in testa le lotterie istantanee o in tempo reale (26,2%); a seguire: lotto o lotterie a esito differito (12,8%), giochi numerici a totalizzatore (10,9%), slot machine (7,4%), scommesse sportive e  altri giochi a base sportiva (4%) e VLT (2,6 %). Si gioca soprattutto dal tabaccaio (82,6%), al bar (61,8%) nelle ricevitorie (26,9%), nelle sale scommesse (12,5%) e nelle sale bingo (8,2%).

 

Gli estratti della ricerca e il comunicato stampa ISS sono disponibili qui: https://ufficiostampa.iss.it/?p=1335