Freni annuncia la riforma dei giochi: il testo al MEF entro fine gennaio

Freni, sottosegretario al MEF, ha annunciato l’arrivo imminente della riforma del comparto giochi, ribadendo il proprio impegno nel voler dare al settore una regolamentazione stabile. Il testo base della legge delega che riordinerà il settore è stato infatti inviato alla Ragioneria generale dello Stato e potrebbe essere presentato sul tavolo del ministro dell’economia Daniele Franco entro la fine del mese di gennaio.

Oltre ad annunciare l’imminenza della riforma, Freni ha anche stilato un quadro dell’attuale situazione del gioco in Italia, sottolineando l’eccessiva frammentazione normativa che lo caratterizza. In particolare, ha giudicato inaccettabile la grande diversità tra le varie leggi regionali. Secondo il sottosegretario, inoltre, ci sono stati tanti compromessi al ribasso dal punto di vista normativo, come ad esempio le continue proroghe. Freni ha ribadito poi come il gioco sia cambiato dopo la pandemia, in quanto lo sviluppo della digitalizzazione si è accelerato. Dunque, servirà porre maggiore attenzione al gioco online, in quanto trattarlo in modo diverso dal gioco fisico è un errore tecnico, conclude Freni.

Dati conto riassuntivo tesoro: entrate del gioco in calo nel 2021

I dati del conto riassuntivo del Tesoro aggiornati a novembre 2021 mostrano che l’emergenza Covid non è ancora finita. Per quanto attiene le ricadute sui ricavi erariali dai giochi, gli incassi per entrate del bilancio dello Stato da lotto, lotterie ed altre attività di gioco sono scesi a 3,6 miliardi di euro nei primi 11 mesi dell’anno appena passato. Ciò equivale al 12,5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2020, con una diminuzione di circa 525 milioni di euro.

 

Quanto al Preu di Slot e Vlt, il totale, condizionato dalla chiusura del primo semestre, è di 1,8 miliardi di euro rispetto ai 2,8 miliardi dei primi 11 mesi del 2020, con il 33,7% di spesa in meno. I proventi del lotto superano però il miliardo di euro, con un aumento del 29%. I ricavi dalle altre attività di gioco ammontano a 268 milioni (+30,5%) e 295 milioni arrivano invece dalla quota del 40% dell’imposta unica sui giochi di abilità e sui concorsi pronostici (+27%).

 

Quanto alle entrate extra tributarie, segnaliamo i 56 milioni per il diritto fisso erariale sui concorsi pronostici (+34%) e i 146 milioni dai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento e intrattenimento e dai giochi numerici a totalizzatore nazionale (-30%).

 

Fonte: Gioconews.it

2022-01-10T09:21:57+00:00 10 Gennaio 2022|Tags: , , , , , , , |

Federico Freni: “Pronta delega giochi: niente gare per nuove concessioni”

Federico Freni, sottosegretario al MEF con delega ai giochi, durante il suo intervento al focus su concessionari e gioco legale online nell’ambito degli “Stati Generali del Diritto di Internet”, ha dichiarato che il motivo per cui in legge di Bilancio non è stata inserita la manovra in materia di gioco è legato al fatto che si è voluto prendere tempo per agire avendo a disposizione uno scenario completo; inoltre, ha ribadito Freni, il documento della delega è pronto, e sarà presentato in Consiglio dei ministri, per poi sottoporla al Parlamento, nel mese di gennaio 2022.

L’approccio alla delega e alla nuova regolazione del settore, ha continuato Federico Freni, non può non tenere conto della situazione antecedente e attuale, che è impostata su un paradigma non pienamente corretto che si basa nella separazione tra gioco online e gioco fisico. Freni ribadisce infatti che il fenomeno gioco è complesso e unitario, e che dare al gioco online un assetto autonomo e differenziato da quello fisico sarebbe un errore.

Ha inoltre aggiunto di aver proposto di non procedere a nuove gare per le concessioni del gioco fisico e per il gioco online, almeno finché non ci sarà una regolazione omogenea. Poi, ha sottolineato come, per fare una buona regolazione dei giochi, c’è bisogno di qualche mese, e per raggiungere questo obiettivo non basta la politica ma è necessario un ampio, lungo e completo confronto con tutta la categoria.

Fonte: Jamma.tv

G20 Policy Monitor, Minenna: “ADM non ha eguali in Europa”

Al G20 Policy Monitor, convegno di ADM in cui è stata fatta la presentazione del 1° rapporto presso la Camera dei Deputati, il direttore Marcello Minenna ha dichiarato che la struttura di controllo di ADM ha garantito, durante i mesi della pandemia, sicurezza e salute pubblica, assicurando inoltre l’approvvigionamento in tutti i settori. Minenna ha sottolineato inoltre che ADM è anche l’unica autorità doganale competente per traffico di merci e valute in Europa.

Nel settore dei giochi, l’autorità di regolamentazione e vigilanza di ADM è il Copregi, che durante il 2020 ha chiuso 200 bische clandestine: segnale che il gioco legale si è fermato, mentre quello illegale no. Per questo, sottolinea Minenna, ADM ha messo a disposizione una app sul gioco legale, un importante strumento di ausilio a contrasto all’illegalità.

Minenna sottolinea inoltre che, in quanto la domanda di gioco è anelastica, è necessario che vigilanza monitori e regoli al meglio il settore per garantire che non dilaghi il gioco d’azzardo patologico e illegale. Inoltre, ADM ha attivato strumenti di videosorveglianza e digitalizzazione nel controllo delle merci, grazie anche all’operazione Scarface nei confronti di Olaf che ha consentito di effettuare ulteriori verifiche. Continua dicendo che ADM svolge settimanalmente degli open hearing sulla nuova piattaforma telematica, e ribadisce come, in tema dei giochi, la sua struttura di controllo non ha eguali in Europa.

Infine, conclude l’intervento al G20 Policy Monitor sottolineando che serve una dogana a livello europeo, ma anche una riforma del settore che semplifichi la normativa, per cui è però necessario il supporto del Parlamento: cosa che può inoltre contribuire al rilancio economico del Paese.

Fonte: Agimeg.it

Giunta regionale del Piemonte: ddl a modifica della legge sul gioco

La Giunta regionale del Piemonte ha redatto il ddl a modifica alla legge regionale in materia di gioco d’azzardo, approvata lo scorso luglio, e a breve ne inizierà il previsto iter di approvazione. Le modifiche contenute nel disegno di legge sono state introdotte a seguito di numerose richieste di chiarimento pervenute dai Comuni e dagli operatori privati di gioco. I chiarimenti richiesti di natura tecnica e intendono rispondere a richieste interpretative, al fine di supportare i Comuni nella corretta applicazione della normativa.

Tra le modifiche si segnalano quelle sulla formazione per la prevenzione della dipendenza da gioco d’azzardo patologico. Ai sensi della normativa vigente, rappresenta una delle modalità per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione e del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. Inoltre, la possibilità della disciplina della formazione è finalizzata alla prevenzione della dipendenza da gioco d’azzardo patologico al fine di consentire agli operatori del settore di poter frequentare i corsi di formazione, che rappresentano la condizione per il mantenimento o l’apertura delle attività di gioco.

Viene inoltre imposta la verifica dell’identità dei minori, anche con l’esibizione del documento di identità, in attesa che tutti gli apparecchi per il gioco siano dotati dell’idoneo lettore del codice fiscale o della tessera sanitaria.

Infine, altre disposizioni di modifica sono proposte al fine di rispettare l’impegno istituzionale del Presidente della Giunta con il Governo, a seguito dell’accoglimento dei rilievi presentati dai Ministeri del Lavoro, dell’Interno e dell’Istruzione, per evitare una possibile impugnativa legata al contrasto con le norme costituzionali concernenti il riparto delle competenze legislative.

Fonte: Jamma.tv

2021-12-03T15:13:45+00:00 3 Dicembre 2021|Tags: , , , , , |

La situazione attuale del comparto giochi in Italia: Lottomatica-Censis

La situazione attuale del comparto giochi in Italia è stata dettagliatamente descritta all’interno del Rapporto Lottomatica-Censis sul gioco legale, presentato al Senato dal presidente del Censis Giuseppe De Rita e dall’Amministratore Delegato di Lottomatica Guglielmo Angelozzi.

È stato rilevato come nel 2020 gli italiani abbiano giocato 88,4 miliardi di euro, con vincite sono state pari a 75,4 miliardi, l’85,3% della somma totale. La pandemia ha avuto un peso sulle attività ludiche, in quanto, rispetto al 2019, si sono spesi 22 miliardi in meno. Ciò ha pesato sugli incassi delle imprese del settore e dell’erario: le prime hanno ricevuto 7 miliardi (-29%) e il secondo ha ricevuto 6 miliardi di euro, (- 17%). Il gioco continua comunque a interessare larghe fasce della popolazione italiana: nel 2020 ha giocato più di un italiano su tre (38%).

Il rapporto mostra poi che i cittadini sono convinti dell’importanza della qualità e dell’affidabilità dei concessionari autorizzati dallo Stato: oggi in Italia ci sono 3.200 imprese di gestione di gioco legale in 80.000 punti vendita. L’emergenza sanitaria ha colpito però in modo particolare queste attività, tanto che sono state chiuse 1.600 sale.

Sempre secondo l’indagine di Lottomatica-Censis, la pandemia ha inoltre spinto il gioco illegale, per cui si stima che gli italiani abbiano giocato in questa forma 18 miliardi di euro, 6 in più rispetto al 2019 (+50%).

Un’ulteriore punto critico riguarda la nuova regolamentazione del settore del gioco, che consentirebbe alle sale pubbliche di esercitare il ruolo di presidio contro i comparti legati alla criminalità. Quello del gioco rappresenta innanzitutto uno dei comparti a più alto impatto di gettito che si abbia nel Paese: solo nel 2020 sono stati raccolti 7 miliardi di euro, e si contano 150.000 occupati tra diretti e indiretti. Per questo, come ricorda Marcello Minenna, Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, è necessaria una riforma del settore rispetto alla situazione attuale, anche a fronte del fatto che oggi è regolato da un coacervo di oltre 150 norme. Servirebbe dunque un testo unico sul gioco che possa armonizzare la normativa di settore, oltre che una regolazione più moderna alla luce delle nuove tecnologie.

Fonte: Affari&Finanza

Rapporto Lottomatica-Censis: controproducente penalizzare il gioco legale

Il Rapporto Lottomatica-Censis sul Gioco Legale in Italia, il cui obiettivo è valutare il ruolo e la funzione del gioco legale nel sistema sociale ed economico, è stato presentato nei giorni scorsi presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica. Dal documento emerge che la presenza di concessionari, autorizzati dallo Stato, affidabili e capaci, in grado di far funzionare il sistema del gioco legale è essenziale secondo il 71,2% degli intervistati e che per il 59,8% penalizzare eccessivamente il gioco legale farebbe lievitare il numero di giocatori illegali.

Secondo il Rapporto il comparto risulta composto da 150.000 lavoratori, 300 concessionari, 3.200 imprese e 80.000 punti vendita, e lo scorso anno ha visto il giro d’affari perdere 22 miliardi di euro.

«Il Rapporto Lottomatica-Censis dimostra in maniera chiara che il settore può essere un partner formidabile dello Stato su legalità, salute, fiscalità, impresa e lavoro se lo Stato, attraverso regole chiare e stabili, decide di tornare a valorizzare il ruolo dei suoi concessionari e della filiera del gioco legale», ha detto Guglielmo Angelozzi, AD di Lottomatica.

Fonte: Corriere della Sera

2021-11-19T13:28:21+00:00 19 Novembre 2021|Tags: , , , , , |

Marcello Minenna (ADM): “Confronto con gli operatori in logica di riforma”

Marcello Minenna, il Direttore Generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, durante la sua audizione in Commissione parlamentare d’inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico istituita in Senato, evidenzia che il gioco è un settore dove si è verificata una stratificazione normativa che non aiuta e dove non esiste solo l’attività vigilata dall’ADM, ma ce n’è una parallela dove ci sono infiltrazioni della criminalità.

In questo quadro, ricorda Minenna, l’ADM ha avviato dei confronti istituzionali con tutti gli operatori, che hanno portato a proposte concrete che devono essere oggetto di valutazione in logica di riforma. Le proposte includono, per esempio, la creazione di un albo degli operatori di gioco, con l’obiettivo di contrastare l’offerta di gioco illegale e irregolare.

La questione critica è che la domanda del gioco è rigida, e non avere un’offerta di gioco governata vuol dire richiedere questi servizi in ambito illegale, spesso a causa della capacità di alcuni soggetti di creare apparenti punti gioco autorizzati. A questo proposito, Minenna ricorda inoltre come poco prima dello scoppio della pandemia l’ADM fosse riuscita a riattivare un importante presidio di legalità, il Copregi, che ha consentito di chiudere 200 sale illegali in oltre 100 comuni.

Marcello Minenna ricorda infine che esiste un contenzioso amministrativo: le attività concessorie decadono e i provvedimenti vengono impugnati di fronte al tribunale amministrativo con soccombenza dell’ADM. È per questo che il settore del gioco necessita di definizioni normative e interventi su misura, con l’introduzione di un testo unico e la creazione di un percorso tutelato e guidato per gli operatori in modo da poter segnalare il gioco illegale.

Fonte: Gioconews.it

2021-11-12T10:16:09+00:00 12 Novembre 2021|Tags: , , , , , , |

Convegno “Gioco legale: la necessità di riordino”: i punti chiave

Il convegno “Gioco legale: la necessità di riordino” si è svolto giovedì 30 settembre, a Roma, organizzato dall’Istituto Milton Friedman, ha visto riuniti esponenti delle istituzioni e del mondo accademico per fare un punto sullo stato del settore.

Giorgio De Carlo, Direttore dell’Istituto Quaeris, ha presentato al convegno un’analisi demoscopica sul tema del gioco. È stato rilevato che, nel contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il 70,5% degli intervistati ritiene utile l’informazione e la prevenzione, mentre il restante 29,5% divieti e restrizioni. Inoltre, il 75% si è detto assolutamente d’accordo sul fatto che il concessionario di Stato sia affidabile. Infine, è stato agli intervistati quale tra le seguenti politiche prioritarie sarebbero da privilegiare: il 41,3% ha risposto contrastare il gioco d’azzardo illegale, il 34,8% migliorare le attività di informazione e prevenzione e il 23,9% combattere il gioco patologico.

Pier Paolo Baretta, già Sottosegretario del MEF con delega al gioco, ha sottolineato il fatto che il gioco fa parte della vita di tutti noi e come tale l’industria che lo gestisce va considerata come tutte le altre. Tuttavia, ricorda che la reputazione dell’industria è pessima e che un altro ostacolo importante è rappresentato dai finanziamenti e dai rapporti con gli istituti bancari. Baretta si augura un’unione tra le concessionarie e tra i vari settori dell’industria, per cui il riordino deve avere come obiettivo principale l’omogeneità nazionale a livello normativo, e ha suggerito un accordo tra Stato-Regioni.

Dario Peirone, Direttore generale dell’Istituto Friedman, ha dichiarato che il settore è sfruttato dallo Stato, in quanto non viene considerato come un comparto importante dell’economia. Ha ribadito l’importanza di uniformare la normativa a livello nazionale, superare l’effetto espulsivo generato dai distanziometri, che andrebbero eliminati, introdurre una serie di luoghi sensibili omogenei, e infine, creare una task force per il contrasto al gioco illegale.

Fonte: Gioconews.itJamma.tvJamma.tv

I sindacati sollecitano il riordino del gioco legale al Ministero del Lavoro

I sindacati di categoria del gioco legale, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, insieme alle associazioni datoriali del settore, sono stati ricevuti dalla sottosegretaria al Lavoro Tiziana Nisini, per discutere delle difficili condizioni che vive attualmente il comparto.

Tra gli argomenti affrontati c’è stato anche il riordino del settore, tema sul quale i sindacati hanno annunciato che invieranno ai ministeri competenti un documento unitario contenente le loro valutazioni. Tra le priorità che verranno evidenziate, e che sono state sottolineate dai sindacati durante il colloquio di oggi, c’è la necessità di un progetto di riordino con un’impostazione omogenea, che riguardi l’intero territorio nazionale.

I rappresentanti sindacali hanno sottolineato a riguardo come i diversi provvedimenti su base regionale e, in alcuni casi con autonomie concesse a livello comunale, creino contrasti e disomogeneità che alimentano confusione e situazioni discriminanti tra un territorio e l’altro.

Le altre richieste al ministero hanno incluso anche ulteriori sforzi per tutelare i lavoratori, lasciati in sospeso e in regime di ammortizzatori sociali a causa della prolungata chiusura dei luoghi fisici del gioco.

Fonte: Jamma.tv

2021-06-04T08:59:27+00:00 4 Giugno 2021|Tags: , , , , , , , , |

Torino, in piazza i lavoratori del gioco legale

Torino ha ospitato il 18 marzo circa un migliaio di lavoratori del gioco legale, scesi a manifestare nella centralissima piazza Castello, chiedendo l’abrogazione della legge regionale sul gioco e un maggiore aiuto verso il comparto messo ulteriormente in crisi dalla prolungata chiusura a causa della pandemia.

Secondo uno studio della Cgia di Mestre, in Piemonte sono occupati nel gioco circa 5.000 lavoratori. Senza calcolare l’indotto, ad oggi sono già stati persi 1.700 posti di lavoro, che potrebbero raddoppiare nel 2021 se il distanziometro andrà a colpire anche le aziende di gioco che operano sul territorio da prima dell’introduzione della legge del 2016.

Nel mirino dei manifestanti riunitisi a Torino, nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza, c’è in particolare la retroattività del “distanziometro”, ovvero i cinquecento metri dai “luoghi sensibili” per i comuni con più di 5.000 abitanti, che si riduce a 300 metri per quelli con una popolazione inferiore. Secondo i gestori questo provvedimento cancellerebbe il 90% delle attività. La quasi totalità del gioco legale, anche quello esistente prima dell’introduzione della legge regionale del 2016, sarebbe espulsa dal territorio cittadino.

In consiglio regionale, il centrodestra si è detto favorevole a rivedere la legge, mentre restano contrari centrosinistra, associazioni tra cui Libera, Cgil, Federconsumatori e le Asl. Secondo l’Ires il gioco in Piemonte dall’introduzione della legge è diminuito del 9,7% e secondo il Cnr di Pisa i piemontesi hanno diminuito le giocate nel circuito legale di 2 miliardi e 618 milioni. Le associazioni di settore denunciano però un incremento del gioco illegale.

Fonti: Repubblica.itLastampa.it

2021-03-19T13:23:42+00:00 19 Marzo 2021|Tags: , , , , , , , , |

Minenna: “Con la chiusura del gioco legale spariti 35 miliardi”

Minenna, Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nel corso dell’audizione presso la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, ha toccato anche il tema del gioco.

Il DG ha lanciato un allarme sulla transizione del giocato verso l’illegalità a causa della chiusura dei punti fisici del gioco legale imposta dai lockdown: “Di fatto la chiusura del gioco legale ha generato una traslazione più o meno consapevole del consumatore finale verso il gioco illegale, spesso legalmente vestito. Siamo passati nel gioco fisico da 75 a 40 miliardi di euro, mentre il passaggio all’online è stato solo di 13-14 miliardi di euro, mancano 35 miliardi”.

Minenna ha poi spiegato le nuove esigenze di contrasto del comparto illegale emerse con la pandemia e le risposte adottate dall’Agenzia: “Al primo lockdown ADM ha dovuto trovare strumenti di vigilanza nuovi. Il Copregi è un Comitato che consente all’Agenzia di entrare in sintonia con Gdf, Polizia Carabinieri per coordinare le operazioni di repressione del gioco illegale. Sarebbe stata una sconfitta dello Stato consentire il proliferare durante il lockdown del gioco illegale, per cui siamo intervenuti in maniera puntuale per le nostre potenzialità. Siamo intervenuti su oltre 200 sale, comminando sanzioni per centinaia di migliaia di euro”.

“Le giocate online hanno una tracciatura che ci consente una completa verifica su eventuali operatività complesse, attraverso strumenti di analisi quantitativa per identificare schemi ripetitivi che nascondono riciclaggio e trasferimenti di liquidità” ha poi aggiunto in merito al segmento digitale del comparto.

Fonte: Repubblica.it