Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: coronavirus, no a provvedimenti specifici sul gioco

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, tramite l’Unità di Crisi, ha stabilito che non verrà adottato nessun provvedimento specifico sulle attività legate al gioco, ma attenzione massima alle disposizioni governative e locali per evitare rischi di contagio.

La raccomandazione alle Direzioni direttoriali è di seguire quindi scrupolosamente le misure previste da Comuni, Regioni e Governo, soprattutto nel caso di eventuali chiusure dei locali aperti al pubblico, tra cui sale da gioco ed esercizi come bar o tabaccherie al cui interno è possibile giocare.

Fonte: Agipronews.it

2020-02-27T09:26:20+00:00 27 Febbraio 2020|Tags: , , , , , , , , |

Dal gioco legale oltre 10 miliardi di Euro all’Erario nel 2018

Il gioco legale lo scorso ha portato direttamente 10,4 miliardi di Euro nelle casse dello Stato, senza contare le imposte versate dai concessionari, esercenti e gestori. Lo rivelano i primi dati del Libro Blu 2018, di prossima uscita, diffusi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

La maggior parte di queste entrate erariali proviene dagli apparecchi da gioco, slot e vlt, che hanno coperto il 62,6% del totale, una cifra superiore a 6 miliardi di Euro, nonostante nell’ultimo anno si sia concluso il taglio del 35% degli apparecchi in tutta Italia, in virtù di un decreto dell’Agenzia seguito all’accordo Stato-Regioni sul riordino delle slot.

I dati hanno anche svelato gli effetti della legge regionale piemontese sul gioco legale: se la spesa dei giocatori sugli apparecchi è scesa del 21,6%, è invece cresciuta su molte altre tipologie di gioco, tra cui lotterie e i gratta e vinci.

Fonti: Il Sole 24 Ore, Gioconews.it

2019-08-06T14:12:07+00:00 6 Agosto 2019|Tags: , , , , , , , , , |