Il Tar Lazio respinge richiesta risarcimento a sale bingo per lockdown

Il Tar Lazio ha respinto la domanda di risarcimento del danno avanzata da alcune società titolari di concessioni per la gestione del gioco del bingo. Questi hanno impugnato i Dpcm varati nel 2021 dal Governo Conte per il contenimento della pandemia di Covid-19, con cui è stata disposta anche la sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.

Secondo i giudici, la decisione di inibire l’esercizio delle attività delle sale da gioco appare sicuramente legittima, frutto di un’attenta ponderazione degli interessi in campo. Come si è anticipato, la strategia politica di contenimento del virus mirava a ridurre le occasioni di infezione, impedendo alla cittadinanza di partecipare ad attività rischiose reputate non essenziali. Tale scelta risponde a protocolli elaborati in sede internazionale e compendiati nel documento redatto dalle autorità tecniche italiane intitolato ‘Prevenzione e risposta a Covid-19. Evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione autunno-invernale’.

Fonte: Gioconews.it

2022-09-23T14:16:07+00:00 23 Settembre 2022|Tags: , , , , |

Rapporto Lottomatica-Censis: uno sguardo al gioco legale in Italia

Il rapporto Lottomatica-Censis, pubblicato lo scorso novembre, continua ad essere un importante strumento per definire lo stato attuale del settore del gioco legale in Italia, con l’obiettivo di raccontare il valore sociale ed economico del gioco.

Quello del gioco legale, gestito dallo Stato attraverso le concessioni pubbliche, è infatti un settore economico che coinvolge 3.200 imprese, 80mila punti vendita e 150mila occupati, uno dei più importanti in termini di ricavi (nel 2020 la raccolta complessiva del settore è stata di 88,4 miliardi di euro, di cui 75,4 miliardi tornati ai giocatori nella forma di vincite) che ha una funzione chiave di argine all’illegalità. Tuttavia, con la pandemia e le limitazioni introdotte dal governo, il gioco legale ha subito un forte contraccolpo, con conseguenze talvolta negative.

Si registra che nel 2021 il 37,8% della popolazione ha giocato a uno o più giochi legali, tra Lotto, lotterie, Superenalotto, scommesse sportive, ippiche, Bingo, giochi online, slot machine. La scelta di giocare si è rivelata trasversale ai gruppi sociali e territori, confermandosi come fenomeno di massa, ma con qualche differenza: giocano gli alti redditi (42,9%) come quelli bassi (35,2%), gli adulti (45,4%) come i giovani (45,2%) ma un po’ meno gli anziani (18%), i residenti nel Sud e Isole (42,4%) come quelli nel Nord-Ovest (36,6%), nel Nord-Est (31,8%) e nel Centro (37,4%).

Le opinioni degli italiani riflettono il valore sociale del gioco legale: il 66,8% pensa che il gioco legale sia il vero argine contro il gioco illegale gestito dalla criminalità. Per il 59,8%, infine, limitare il gioco legale farebbe lievitare il numero di giocatori illegali, con vantaggi per la criminalità.

Oggi però, con il virus che sembra rallentare nella sua diffusione e con la fine dello stato di emergenza il 31 marzo, il settore torna a pianificare il proprio futuro. In questo senso si orienta inoltre la bozza della legge delega che riordina il settore del gioco pubblico e che dovrebbe approdare entro fine aprile in consiglio dei Ministri.

(Fonte: Prima Comunicazione)

Angelozzi, Lottomatica: “Il mercato del gaming è pronto a ripartire”

Guglielmo Angelozzi, CEO di Lottomatica, ha dichiarato che il mercato del gaming italiano è pronto ad andare avanti e a gettarsi alle spalle i due anni di chiusure a causa della pandemia, anche se le conseguenze sono ancora evidenti per il settore. “Tornare alle origini, al buon gioco e alle regole chiare: la svolta è possibile”, dice Angelozzi, ma sottolinea che servono regole uniformi e una spinta al consolidamento.

Angelozzi ricorda che sono stati due anni complicati, ma anche di grande trasformazione. Molti punti vendita sono stati chiusi, imponendo però un’accelerazione nel processo di trasformazione digitale del gioco. Ora che però il mercato retail ha riaperto, dichiara, il tema che si pone è mettere la rete distributiva al centro dei progetti, continuando a investire sull’innovazione digitale. La rete sul territorio, con la presenza dei punti gioco controllati dai concessionari, costituisce infatti il presidio nazionale contro l’illegalità.

Amplia poi il discorso, toccando il tema delle norme. Un riassetto normativo è necessario, sottolinea, in quanto la stratificazione ha reso tutto poco chiaro, rendendo difficile la pianificazione degli investimenti. Il consolidamento nel mercato del gioco è dunque essenziale ed è possibile grazie a investimenti importanti.

Conclude dicendo che strumenti come il Green Pass hanno consentito a molti punti di rimanere aperti e che ad oggi la domanda c’è, in quanto il mercato sta ripartendo e la pandemia rallentando. Per il futuro, dunque, Lottomatica è fiduciosa: si dichiara pronta a cogliere le occasioni che il mercato presenterà.

Fonte: Milano Finanza

2022-02-28T08:41:04+00:00 28 Febbraio 2022|Tags: , , , , , |

Aiuti del governo ai giochi: contrasto alla ludopatia e alla crisi economica

Gli aiuti stanziati dal Governo a favore del settore dei giochi comprendono un fondo al contrasto del disturbo da gioco d’azzardo patologico e misure di sostegno al settore, in quanto particolarmente colpito dalla crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19.

 

La Corte dei conti ha inviato al Senato la deliberazione relativa al Fondo per il gioco d’azzardo patologico. In merito, la Corte ha evidenziato la necessità di ipotizzare un’alternativa modalità di copertura finanziaria del fondo. Tra le proposte, vi è la destinazione di una percentuale del fatturato conseguito dalle imprese del gioco e l’attribuzione di somme in applicazione delle sanzioni amministrative. Nella Gazzetta Ufficiale è stata inoltre pubblicata la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile sul Fondo sanitario nazionale 2021, che prevede di destinare 50 milioni alla cura della dipendenza da gioco d’azzardo.

 

È stato poi pubblicato il Dl Sostegni dal Governo recante le misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici relativamente all’emergenza da Covid-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi dell’energia. Si prevede il ricorso alla cassa integrazione per, fra le altre, le attività di gioco, come le sale giochi e le sale bingo. In base al provvedimento, i datori di lavoro che, dal 1° gennaio al 31 marzo 2022, sospendono o riducono l’attività, sono esonerati dal pagamento della contribuzione addizionale.

 

Fonte: Gioconews.itJamma.tv

Osservatorio Mercato Giochi Luiss-Ipos: l’evoluzione nel periodo Covid

L’Osservatorio Mercato Giochi Luiss-Ipsos, realizzato dall’ateneo in collaborazione con la società di ricerca di mercato e consulenza, ha realizzato un nuovo progetto che intende restituire agli operatori del settore dati utili per fronteggiare il gioco illegale. Presentato a Mauro Marino, Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul gioco illegale, e a Federico Freni, Sottosegretario al MEF, il rapporto combina due indagini che fotografano lo stato del settore durante il periodo Covid e le caratteristiche socioeconomiche del giocatore tipo.

Dall’indagine è emerso che il 70% degli operatori ritiene che il fenomeno dell’illegalità riguardi solo il canale fisico. I risvolti negativi di questa percezione sono ulteriormente rafforzati dalla convinzione presente nel 70% della popolazione e nel 79% degli esercenti che non sia facile intercettare i fenomeni di illegalità, che inoltre sono socialmente tollerati.

Il settore del Gioco si conferma pesantemente toccato dagli effetti della pandemia: solo il 35% degli esercenti dichiara di essere soddisfatto dell’andamento della propria attività, mentre il 17% ha dovuto ridurre il personale. Questi fatti potrebbero avere delle ripercussioni negative sul territorio, con la diminuzione dei punti vendita e il proliferare di attività illegali. È stato inoltre possibile determinare le caratteristiche del giocatore tipo, l’influenza del reddito familiare pro-capite sulle diverse tipologie di gioco, nonché l’evoluzione di tale spesa su base annua e per area geografica.

L’indagine segnala infine che per combattere l’espansione del gioco illegale è necessario garantire una regolamentazione attenta dei comportamenti dei giocatori e delle evoluzioni tecnologiche.

Fonte: Italia Oggi e Agimeg.it

2022-01-28T14:03:48+00:00 28 Gennaio 2022|Tags: , , , , , |

Dati conto riassuntivo tesoro: entrate del gioco in calo nel 2021

I dati del conto riassuntivo del Tesoro aggiornati a novembre 2021 mostrano che l’emergenza Covid non è ancora finita. Per quanto attiene le ricadute sui ricavi erariali dai giochi, gli incassi per entrate del bilancio dello Stato da lotto, lotterie ed altre attività di gioco sono scesi a 3,6 miliardi di euro nei primi 11 mesi dell’anno appena passato. Ciò equivale al 12,5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2020, con una diminuzione di circa 525 milioni di euro.

 

Quanto al Preu di Slot e Vlt, il totale, condizionato dalla chiusura del primo semestre, è di 1,8 miliardi di euro rispetto ai 2,8 miliardi dei primi 11 mesi del 2020, con il 33,7% di spesa in meno. I proventi del lotto superano però il miliardo di euro, con un aumento del 29%. I ricavi dalle altre attività di gioco ammontano a 268 milioni (+30,5%) e 295 milioni arrivano invece dalla quota del 40% dell’imposta unica sui giochi di abilità e sui concorsi pronostici (+27%).

 

Quanto alle entrate extra tributarie, segnaliamo i 56 milioni per il diritto fisso erariale sui concorsi pronostici (+34%) e i 146 milioni dai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento e intrattenimento e dai giochi numerici a totalizzatore nazionale (-30%).

 

Fonte: Gioconews.it

2022-01-10T09:21:57+00:00 10 Gennaio 2022|Tags: , , , , , , , |

Lockdown, è calato il gioco fisico ma non quello online

Il lockdown dello scorso anno tra marzo e maggio ha determinato un calo delle attività di gioco sia fisiche che online. Quando le restrizioni sono state successivamente allentate le giocate fisiche sono però rimaste sotto il dato prepandemico, anche a causa della mancata riapertura delle sale, mentre il gioco online ha raggiunto una percentuale superiore.

È quanto emerge da uno studio condotto dall’ISS in collaborazione con l’Istituto Mario Negri, l’Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la rete Oncologica (ISPRO), l’Università degli studi di Pavia e l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano sull’abitudine al gioco degli italiani.

Lo studio ha interessato un campione della popolazione italiana di età compresa tra 18 e 74 anni; i dati raccolti riguardano le abitudini di gioco nel periodo di lockdown (27 aprile – 3 maggio 2020) confrontati con le abitudini precedenti la pandemia e con una successiva fase di restrizioni parziali (27 novembre – 20 dicembre 2020).

Nello specifico, il gioco d’azzardo terrestre è diminuito dal 9,9% del periodo precedente la pandemia al 2,4% nel periodo di lockdown, per poi arrivare all’8% nel periodo di restrizioni parziali. Il gioco online invece passa dal 10% del periodo precedente la pandemia all’8% nel lockdown, per salire al 13% nel periodo di restrizioni parziali. La media complessiva restituisce quindi un dato del 16,3% per il periodo prepandemico, del 9,7% durante il lockdown, per poi risalire al 18% nel periodo successivo.

Durante il periodo di lockdown è inoltre aumentato di circa un’ora il tempo trascorso a giocare e la platea dei giocatori: circa l’1% circa degli intervistati ha affermato di aver giocato per la prima volta.

Fonte: Repubblica.it