Corte dei Conti: “Probabile incremento del gioco illegale a causa di distanziometri e limiti orari”

La Corte dei Conti ha rilevato che nel 2018 “la riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento stabilita dalle norme nazionali, unita all’inasprimento delle limitazioni di distanze da luoghi sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, ha determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali”.

La considerazione della Corte dei Conti arriva sulla scia dei dati diffusi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che segnalano come nel 2018 si sia raggiunto il picco dei controlli sulle attività di gioco.

La maggiore frequenza degli accertamenti da parte delle forze dell’ordine e la maggiore efficacia dei controlli, anche in virtù della messa a punto di indicatori di rischio, hanno portato quindi a un numero più elevato di sanzioni.

Fonte: Jamma.tv