Sale giochi: ecco i ristori per la chiusura in pandemia

2021-09-03T13:01:17+00:00 3 Settembre 2021|Tags: , , , , , |

Le sale giochi e le altre attività del gioco pubblico rientrano tra le attività che sono state costrette a chiudere durante la pandemia a favore delle quali sono stati stanziati una serie di aiuti economici pubblici ad hoc, da 3.000 fino a 12.000 euro.

È quanto stabilisce il decreto del MISE che distribuisce gli aiuti economici per 140 milioni di euro previsti dal decreto Sostegni bis di fine maggio scorso (Dl 73/2021), che ha stanziato le risorse aggiuntive per sostenere tutte le attività colpite dall’ultimo round di chiusure a causa del Covid.

Possono accedere agli aiuti le sale giochi e le altre attività di gioco che hanno in gestione apparecchi che consentono vincite in denaro, e tutte le attività che, alla data di entrata in vigore del decreto-legge 23 luglio 2021, svolgono questa attività come prevalente. In seguito, tutte quelle individuate dal codice Ateco che tra il 1° gennaio 2021 e il 25 luglio scorso abbiano registrato una chiusura per un periodo complessivo di almeno cento giorni.

La dote complessiva a disposizione è di 140 milioni contenuti nel “Fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse” previsto al Mise dal Dl Sostegni Bis. Di queste risorse 20 milioni sono riservati in via prioritaria alle attività che, alla data di entrata in vigore del decreto-legge 23 luglio 2021, risultano chiuse. Il decreto prevede inoltre che l’Agenzia delle Entrate provveda a ridurre in modo proporzionale il contributo sulla base delle risorse finanziare disponibili e del numero di istanze ammissibili pervenute, tenendo conto delle diverse fasce di ricavi e compensi.

Fonte: Gioconews.it