Nomisma: confermata crescita del gioco online a discapito del gioco fisico

2022-04-14T12:17:30+00:00 14 Aprile 2022|Tags: , , , , |

Nomisma, società di consulenza che ogni anno realizza l’“Osservatorio gioco d’azzardo”, ha rivelato che nel 2021 gli italiani sono tornati a giocare. Nel corso degli ultimi due anni, con la pandemia, si è infatti accelerato il processo di crescita del gioco online. Il comparto, che già cresceva senza sosta da tempo, ha subìto uno sviluppo notevole con le chiusure del gioco fisico, ma sono emerse anche alcune problematiche specifiche.

La pandemia ha frenato il settore: nel 2020 la raccolta è stata di 88,3 miliardi di euro di cui 75,4 miliardi tornati ai giocatori nella forma di vincite (l’85,3%). E nel 2020 la diminuzione rispetto al 2019 è stata notevole: si è registrato il 20% in meno per la raccolta, il 17% in meno per le vincite e il 33% in meno per la spesa netta. Nel 2021 la raccolta dal gioco è stata di 107 miliardi, in linea con i dati del 2019.

Ma pandemia ha accelerato anche la propensione al digitale e lo studio rivela che si sono modificate le modalità con cui gli italiani si interfacciano con il gioco: negli ultimi cinque anni si è registrato infatti un netto aumento dell’ammontare complessivo delle puntate effettuate nel gioco online (+120%). La fotografia dell’Osservatorio Nomisma rivela poi che nel corso del 2020 i conti attivi per il gioco online erano complessivamente 14,2 milioni, di cui 4,3 milioni di conti nuovi. Complici la pandemia e le limitazioni agli spostamenti imposte dallo scenario Covid e una maggiore propensione al digitale, l’online è oggi il canale di gioco prevalente per un player su tre (31%), con il picco delle scommesse sportive online. Infine, dallo studio condotto da Nomisma emerge il gioco online è prediletto dai giovani giocatori; si rileva infatti che gli over 65 prediligono giocare in luoghi fisici.

Fonte: Gioconews.it