Biliardini: no a verifiche e nulla osta

I biliardini sono salvi negli stabilimenti e nelle sale giochi di tutta Italia, e non ci sarà nessuna nuova regolamentazione per questi apparecchi: è la risposta che l’Agenzia delle dogane e dei monopoli ha dato in seguito alle multe recapitate in settimana ad alcuni gestori di spazi nei quali è possibile giocare a biliardino.

Ora, in base a una norma inserita nel maxiemendamento al dl Pnrr approvato in Senato, entro il 15 novembre di ogni anno l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli si impegna ad individuare gli apparecchi “meccanici ed elettromeccanici che non distribuiscono tagliandi” (tra cui rientrano i biliardini), che saranno esenti dall’obbligo di verifica tecnica e del nulla osta. La mancanza di queste certificazioni comporterà il rischio di sanzioni. Resta fermo, invece, l’obbligo di versamento dell’imposta sugli intrattenimenti.

Intanto, i gestori degli stabilimenti balneari lanciano l’allarme: chi ha dispositivi non autorizzati rischia una sanzione di 4mila euro. Nel mirino un decreto dello scorso anno (n. 65 del 18 maggio 2021), che ha previsto che anche i locali che espongono flipper e biliardini debbano versare l’imposta sugli intrattenimenti (Isi), ovvero quella che si applica ai giochi a pagamento con vincita in denaro.

Fonte: Italia Oggi e Ilsole24ore.com